MEAL PREP 5

 

Come refrigerare, congelare e disporre gli alimenti già cotti in frigorifero e nel congelatore…
Anche per conservare correttamente gli alimenti nel frigorifero e nel congelatore è indispensabile la conoscenza di alcuni punti chiave, mi hanno aiutato a capire articoli, ve li sottopongo immediatamente:

Conservare in frigorifero

Nonostante il frigorifero sia un ottimo strumento per conservare gli alimenti, mantenerli a lungo al suo interno potrebbe comunque favorire la crescita microbica, il freddo è batteriostatico e non battericida. Con le dovute attenzioni si può conservare tutto in frigo per tempi brevi: attenzione però, anche se il cibo è cotto è sempre un substrato per la crescita di muffe o batteri e i processi attivati con la cottura anche se la temperatura viene abbassata continuano ad andare avanti.
Gli alimenti crudi, specialmente carne, pollame e pesce e i rispettivi liquidi di sgocciolamento possono contenere microorganismi; per questo motivo è necessario tenere la carne, il pollame e il pesce crudo separati dal resto degli alimenti, conservarli in appositi contenitori ermetici per prevenire il contatto tra cibi crudi e cibi preparati.
All’interno del frigorifero è necessario inoltre, al fine di prevenire la contaminazione crociata, disporre:

Nella PARTE CENTRALE
del frigorifero gli avanzi di preparazioni crude (macedonia) e gli alimenti già cotti già raffreddati, per evitare un rapido innalzamento della temperatura. Tutto va riposto in appostiti contenitori ben chiusi per conservarli meglio evitando che assorbano e rilascino sgraditi odori.

Il RIPIANO PIU’ IN BASSO
sopra il cassetto per le verdure, è il più fresco: qui vanno riposti gli alimenti che deperiscono facilmente, come pesce e carne crudi, affettati compresi.

Per quanto tempo conservarli?
Dovrebbero essere conservati in frigorifero per un breve periodo e non dovrebbero essere riscaldati più di una volta. Inoltre coloro che presentano una reattività ai lieviti, sono a conoscenza che per evitare la fermentazione la conservazione non deve superare le 24 ore.

Conservare in congelatore 

Per congelare i cibi preparati a casa disporli in piccoli pezzi in contenitori puliti o sacchetti monouso, con l’etichetta che riporta il nome del cibo contenuto e la data di congelamento.
Per quanto tempo conservarli?
Non esistono regole ben precise, soprattutto in considerazione delle molte preparazioni e tipologie di alimento possibili: in generale conviene non superare i 6 mesi, ricordando che gli alimenti grassi si deteriorano prima.
Innanzitutto è necessario distinguere fra alimenti congelati e alimenti surgelati:
   il congelamento consiste nell’abbassamento più o meno rapido della temperatura  come si fa comunemente a casa con il freezer. Nel congelamento i cristalli di ghiaccio che si formano sono di dimensioni superiori e danneggiano maggiormente la struttura dell’alimento, provocando al momento dello scongelamento la perdita di liquido.
il surgelamento è una tecnica di congelamento, prevalentemente a livello industriale, ha il vantaggio che i cristalli di ghiaccio che si formano all’interno dell’alimento sono piccoli e non rovinano la struttura dell’alimento.

Nel CONGELATORE i cibi,
conservati in sacchetti alimentari o contenitori ermetici, devono essere posti vicino alle pareti, più fredde, e non al centro; buona norma è anche lasciare un po’ di spazio tra un contenitore e l’altro, e non riempire troppo il congelatore, perché altrimenti si rallenterebbe il processo di congelamento.

Come scongelare?

Congelare un alimento non uccide i microrganismi, ne rallenta solo l’attività e la proliferazione. Quindi i microrganismi eventualmente presenti sull’alimento riprendono a moltiplicarsi durante lo scongelamento. Per questo motivo è meglio non ricongelare alimenti scongelati, ma cuocerli e consumarli entro 24 ore.
È  consigliato non scongelare i prodotti a temperatura ambiente. Lo scongelamento deve avvenire in frigorifero o in un ambiente freddo. Alimenti non completamente scongelati o che non subiscono prontamente una cottura corrono il rischio di probabile contaminazione.
Il microonde è un ottimo alleato per scongelare, ma è necessario cucinare prontamente il piatto in modo da non venire a contatto con eventuali microrganismi.

Siamo giunti all’ultima fase del “meal prep”, abbiamo tutte le informazioni per magiare meglio risparmiano energia, denaro e il nostro prezioso tempo.
Se volete potete leggere o rileggere tutte le fasi del “meal prep” cliccando su questi link:
MEAL PREP 1: Cosa serve al nostro corpo Quali alimenti devono sempre comporre i nostri piatti Frigorifero e congelatore sono alle alti se si dispone di poco tempo?
MEAL PREP 2 come organizzarsi APP cosa cucino io
MEAL PREP 3 come preparare condire e cuocere gli alimenti per il nostro “meal prep”
MEAL PREP 4 come raffreddo e preparo per la conservazione le ricette del mio “meal prep”
MEAL PREP RICETTE

Fonte:
Dr.ssa Martina Rossi – Eurosalus
Ilaria Palmeggiani – Mensile: Cucina Naturale

2 risposte a "MEAL PREP 5"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: