CREMA DI MANDORLE ATTIVATE

Tasto inglese 150 px

 

Questa crema o formaggio fresco può essere preparata con le mandorle o altri frutti e semi oleoginosi attivati, il suo gusto delicato e la sua consistenza morbida la rendono un ottimo ingrediente principale ma anche un’ottima base per preparazioni dolci e salate (per esempio: maionese, formaggio o dips, crema per farcire e per cheesecake…).

Questo periodo dell’anno particolarmente ricco di momenti di festa, in cui la parola fretta lascia spazio a momenti di convivialità con parenti ed amici, mi sembra perfetto per acquisire familiarità con una tecnica che può diventare una sana consuetudine la “attivazione” dei semi (frutta oleosa, cereali, legumi).

L’attivazione riduce o neutralizza l’acido fitico presente nei semi, permettendo al nostro corpo di assorbire i minerali presenti negli alimenti rendendoli anche maggiormente digeribili.

La neutralizzazione dell’acido fitico si ottiene immergendo gli alimenti in acqua pulita per un tempo calcolato in base alla densità del seme (ve ne parlerò in un post dettagliato).

I frutti oleosi attivati si reidratano e ammorbidiscono e diventa molto più semplice e veloce tritarli con un robot normale da cucina ottenendo una consistenza liscia e cremosa.

CREMA DI MANDORLE ATTIVATE

Ingredienti per 250 g:

  • 150 g mandorle già prive di guscio e pellicina
  • 115 ml acqua
  • 20 ml succo di limone
  • 2 g sale

Come preparare la crema

Sciacquate molto bene le mandorle, se le trovate con la pellicina non preoccupatevi vanno benissimo, durante l’ammollo la pellicina si ammorbidirà e la potrete togliere con grande facilità, ma la pellicina ha un suo peso dovete aumentare la dose delle mandorle di 50 g.

In un contenitore in vetro (non usate la plastica) immergete per 8 ore in acqua pulita le mandorle coprendole abbondantemente con acqua salata con un pizzico di sale (attiva gli enzimi in grado di neutralizzare l’acido fitico), lasciatele riposare a temperatura ambiente coprendo la ciotola con un panno pulito che permette la traspirazione.

Ogni 4 ore cambiate l’acqua di ammollo.

Al termine dell’ammollo scolate le mandorle, sciacquatele bene e buttate l’acqua di ammollo.

Frullate le mandorle con il resto degli ingredienti (acqua limone sale) in un robot da cucina sino a farlo diventare morbido e liscio.

Si conserva in frigorifero per 2 settimane in un contenitore ermetico.

DIPS AI FINOCCHI

Ingredienti:

  • 125 g formaggio morbido di mandorle
  • 180 g finocchio da frullare + 50 g da tritare grossolanamente
  • 1,5 cucchiaini semi di coriandolo
  • 1,5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • buccia tritata grossolanamente di 2 mandarini

Come preparare il dips ai finocchi

In un robot da cucina polverizzare i semi di coriandolo, poi aggiungere il formaggio morbido di mandorle, l’olio e 180 g di finocchio tagliato a pezzi, frullate sino ad ottenere una crema liscia.

A questo punto aggiungere i finocchi e la buccia di mandarino tritati grossolanamente.

DIPS ALLE OLIVE

Ingredienti:

  • 125 g formaggio morbido di mandorle
  • 90 g olive nere già denocciolate (le mie sono sott’olio, nel caso le vostre non lo siano aggiungete 1,5 cucchiai di olio extra vergine di oliva agli ingredienti)
  • 6 g prezzemolo tritato grossolanamente
  • buccia tritata grossolanamente di 1 limone

Come preparare il dips alle olive

Tritate grossolanamente le olive.

Unire al formaggio morbido tutti gli ingredienti e mescolare bene.

7 thoughts on “CREMA DI MANDORLE ATTIVATE

Add yours

  1. buonasera, nella sua ricetta della crema di mandorle attivata non specifica quando aggiungere il succo di limone, prima dell’ammollo o prima della frullata. quindi? infine quali sono i tempi di ammollo per i vari semi? grazie x la risp

    Mi piace

    1. Buongiorno, grazie per la sua interessante osservazione, in effetti il succo di limone, come il sale, viene utilizzato anche in fase di ammollo, la vitamina C inibisce il legame fra acido fitico e minerali.
      Nella mia ricetta io ho usato il sale per attivare le mandorle, il succo di limone va aggiunto con gli altri ingredienti nel mixer, in questo caso non serve per attivare ma per conferire sapore.
      Ho apportato una piccola modifica al post per chiarire meglio l’utilizzo degli ingredienti.
      I tempi di ammollo degli altri semi li pubblicherò prestissimo in un post, a presto 🙂

      Mi piace

      1. quindi acqua limone e sale vanno sostituiti ogni 4 ore per l’ammollo ed in più aggiunti ex novo alle mandorle nel frullino. è cosi?

        Mi piace

      2. Nell’acqua di ammollo per facilitare la neutralizzazione dell’acido fitico si può aggiungere, non tutti lo fanno, del sale o del succo di limone, non si aggiungono sale e limone insieme.
        Ogni 4 ore ore si sciacquano i semi, si rimettono in ammollo e si aggiunge nuovamente un pizzico di sale o del succo di limone.
        La dose del succo di limone da aggiungere in fase di ammollo è 1 cucchiaino ogni 300 g di semi.
        La dose del sale varia in base al seme utilizzato da 1/2 cucchiaino a 2 cucchiaini.
        La dose di sale e limone indicata negli ingredienti della ricetta, riguarda solo la ricetta, non la fase di ammollo.
        Credo proprio che il mio post sull’attivazione servirà 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: