SENAPE

 

La buona cucina trascende tutte le culture. Si può prendere ispirazione da tutto il mondo e applicarlo a quello che si cucina senza farlo “fusion”. In alcuni casi, si può anche prendere un classico e renderlo migliore.

La senape viene usate in diverse cucine del mondo:

  • cucina mediterranea
  • cucina francese, specialmente meridionale
  • cucina indiana, specialmente meridionale
  • cucina africana
  • cucina americana
  • cucina asiatica
  • cucina scandinava
  • cucina tedesca

ed è sicuramente un ingrediente che può arricchire di aromi i nostri piatti rendendoli migliori e aiutandoci ad abbassare la quantità di sale utilizzata giornalmente.

Per variare il gusto della salsa possiamo scegliere di utilizzare la senape in polvere o in semi aggiungendo erbe, verdura, frutta o altre spezie.

Ecco due esempi di senape personalizzata:
Senape con carote o foglie di carote
Senape al mandarino

In commercio troviamo la senape in polvere, in semi o come salsa già pronta, vediamo come possiamo utilizzare questi ingredienti nelle nostre ricette:

Senape in polvere

Deve essere utilizzata entro sei mesi, in quanto perde la sua potenza.

Ha un intenso sapore pungente, mescolata con un liquido freddo mantiene la sua “forza”, in alternativa, utilizzata con liquidi caldi calma le sue “note pungenti”.

Per creare una salsa crudista miscelate:

  • 15 g senape in polvere
  • 1/2 cucchiaino sciroppo di agave
  • 35 ml aceto di mele
  • 15 g olio

Miscelare tutti gli ingredienti in una ciotola.

Per formare una pasta di senape calda:

  • Si può utilizzare acqua, birra o vino bianco caldi anziché aceto di mele.
  • lasciate riposare 10-15 minuti la polvere con il liquido caldo scelto prima di utilizzarla.
Semi di senape

Hanno un moderato sapore amaro piccante, più delicato nei semi chiari, e più forte in quelli scuri.

Si possono utilizzare, come la senape in polvere, per realizzare una salsa crudista:

  • 15 g senape in polvere
  • 1/2 cucchiaino sciroppo di agave
  • 35 ml aceto di mele
  • 15 g olio

I semi si devono ammollare per 30 minuti prima di poterli miscelare con gli altri ingredienti.

Scolateli dall’acqua di ammollo.

Frullate i semi con il resto degli ingredienti.

Una salsa calda  può essere ottenuta con una tecnica turca che è quella friggere spezie in olio o ghee (burro indiano chiarificato) fino a quando essi scoppiettano. In questo modo si apre davvero l’aroma delle spezie mettendo in evidenza la loro dolcezza terrosa. Questa tecnica cross-culturale si può applicare anche ad un comune piatto di carne, pesce o verdura  arricchendoli con una salsa di senape:

  • Tostando semi di senape neri, gialli, e rossi nel burro o olio evo fino a quando essi scoppiettano
  • Poi  si aggiunge scalogno e vermouth e si riduce.
  • Quindi,  si aggiunge del buon brodo di carne, o verdura.
  • Fuori dal fuoco si unisce della crema di frutta o semi oleosi priva di sale e se si vuole della senape di Digione. Il risultato è una salsa con un sapore molto più complesso e profondo, rispetto alla semplice combinazione di panna e senape, già pronta, in padella.
Salse di senape già pronte

Sono meno personalizzabili in genere hanno un sapore amaro, caldo, pepato, con note speziate:

  • Scegliete la senape macinata a pietra e / o di senape in grani interi.
  • Aggiungete la senape al termine del processo di cottura.
  • Utilizzate i cetrioli se volete tagliare il sapore della senape se lo ritenete troppo invasivo.

2 risposte a "SENAPE"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: