FARINA DI CASTAGNE

Tasto inglese 150 px

 

 

La farina di castagne si ottiene dalla macinazione delle castagne essiccate, conferisce un gusto dolce all’impasto e permette di abbassare la quantità di zucchero inserito negli impasti.Ha una percentuale di amido del 25% (più alto delle patate) e una composizione molto simile ai cereali.

E’ ricca di acido folico, potassio, zinco, ferro, vitamina E, vitamine del gruppo B e ha un alto valore nutrizionale e energetico .

Come sceglierla e conservarla

Sceglietela di qualità, la farina di castagne ha un colore beige chiaro o appena più accentuato,   alcune farine di colore troppo scuro sono anche molto amare perché possono essere ricavate da castagne non completamente prive del pericarpo esterno o con difetti.

E’ meglio consumarla fresca perché si altera facilmente, nel dubbio assaggiatene un pochino anche cruda, se è amara purtroppo non si può più usare.

Conservatela chiusa in un contenitore in frigorifero, anche in freezer, o in un luogo fresco.

Come usarla in cucina

Va setacciata prima dell’uso perché tende a raggrumarsi e fatta riposare dopo aver inserito gli ingredienti liquidi dell’impasto perché possa idratarsi correttamente.

Gli impasti realizzati con questa farina hanno una consistenza compatta e asciutta.

Nei prodotti da forno si possono inserire pezzetti di frutta o verdura che continuano l’idratazione in forno e dopo la cottura.

E’ particolarmente adatta alla preparazione di impasti friabili o molli come il castagnaccio, ma può essere usata in purezza anche per:

 pan di spagna

frolle

pasta fresca

gnocchi

dolci

Come usarla nei prodotti salati

Alcune farine di qualità sono particolarmente dolci, tanto da rendere indispensabile miscelarle con altre farine dal gusto più neutro per preparare prodotti salati, in questo caso usatene una percentuale del 30% sul peso delle farine.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: